Catene da neve
Chiarimenti sulle omologazioni

Giungono all’Asaps numerosi quesiti sulla regolarità e omologazione delle catene da neve.

Vediamo di fare il punto della situazione.

Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sta mettendo ordine a livello tecnico e giuridico per fare chiarezza sia per il mercato che gli utenti. Per quanto concerne i cosiddetti dispositivi supplementari di aderenza per pneumatici, il Decreto interministeriale del 13/3/2002 poi trasformato nella Circolare Ministeriale, dice testualmente:

“A decorrere dal 1° maggio 2002, le catene da neve (e i relativi dispositivi di aderenza) devono essere conformi alla norma di unificazione a carattere definitivo tabella CUNA NC 178/01 ovvero, in alternativa, ad equivalenti norme in vigore negli Stati membri dell’Unione europea e dei paesi firmatari dell’Accordo sullo spazio economico europeo”. Sempre dal Decreto, "La rispondenza alle norme è attestata dal marchio di conformità apposto sulle catene in base alla norma UNI/CEI 70006 che introduce nella raccolta delle norme nazionali quella internazionale ISO/IEC n° 28 che regola la certificazione e la marcatura dei prodotti industriali”.

Dunque i prodotti che hanno superato i requisiti del CUNA (Commissione Tecnica di Unificazione nell’Autoveicolo, ente con sede a Torino) hanno una targhetta con stampigliato il numero di omologazione.

Oltre a questa omologazione ufficiale esistono normative stipulate da qualificati enti nazionali come il TUV tedesco e austriaco o la DIN.

Quindi in base alle normative applicate nei Paesi facenti parte della Comunità Europea la certificazione tedesca del TUV è applicabile anche nel nostro territorio.